“I tesori di Brissago”: caccia al tesoro per le vie del villaggio

Se dico “Brissago” cosa vi viene in mente? Isole! Lo pensavo anch’io prima di avventurarci nelle vie di questo villaggio. Attraverso la divertente caccia al tesoro: “I tesori di Brissago”, abbiamo scoperto che Brissago non è solo “isole” ma è anche uno splendido paese, con le sue viuzze, gli scorci sul lago, l’atmosfera di vacanze e tanta storia da scoprire.

Vista dalla Chiesa San Pietro e Paolo
Ville storiche sul lungolago

Brissago tanto tempo fa ….

Molti anni fa, il borgo di Brissago era molto conteso in quanto terra di banditi e di pirati, perché si trovava a metà tra le terre dei Confederati e del Ducato di Milano. La leggenda narra che un piccolo diavolo birichino rubò alcune monete da un tesoro di pirati e le sparse per tutto il villaggio. Il vostro compito è proprio quello di ritrovare queste monete tra antichi personaggi e misteriose creature.

Preparazione alla caccia al tesoro: “I tesori di Brissago”

Abbiamo subito trovato parcheggio nei posteggi comunali all’entrata del paese e ci siamo recati al Bar Incontro, che si trova di fronte al Municipio (edificio rosso). Potete arrivarci anche da Locarno prendendo il bus no. 316 che si ferma al Municipio. Al Bar Incontro abbiamo acquistato la mappa cartacea (fr. 5.-) e preso in prestito un gessetto. Abbiamo anche scaricato la App sul telefonino che trovate qui.

Brissago

Introduzione

Ed ecco che siamo pronti per partire….la App ci permette di immergerci subito nell’ambientazione, ci racconta aneddoti e leggende che ci invogliano ad andare alla ricerca della prima moneta. Nel villaggio sono disseminati 6 dobloni d’oro e l’obiettivo è quello di trovarli tutti. I bambini seguono sia la mappa, sia il telefono, dove in più vengono dati alcuni indizi per facilitarne il ritrovamento.

Caccia al tesoro Brissago

Il percorso

Il percorso è lungo 2,5 chilometri: la prima parte si svolge sul lungo lago ed è davvero suggestiva, sembra di essere in vacanza! Abbiamo visto anatre, ville storiche, pesci e incontrato abitanti di Brissago con tanta voglia di aiutarci e chiacchierare con noi. La seconda parte invece richiede un po’ più di impegno fisico, visto che si effettuano 115 m di dislivello. Ma tutto fattibile, perché la strada è asfaltata e i gradini che portano al sacro Monte sono larghi. Consigliamo di portare un cappellino e l’acqua, in quanto in alcuni tratti non c’è ombra. Ammirare il lago dal Sacro Monte è davvero incredibile. Siamo rimasti anche a bocca aperta quando abbiamo dovuto costeggiare il fiume nella “Valle dei Mulini”, sembrava di essere nella giungla dell’Amazzonia!

Valle dei Mulini Brissago
Il sentiero lungo la Valle dei Mulini
Poco prima dell’ultima tappa del percorso

Il premio

E che caccia al tesoro sarebbe senza premio? Ecco perché, una volta trovate e ricalcate tutte le 6 monete d’oro, ci si può recare al punto di partenza, ovvero al Bar Incontro dove i bambini possono ritirare il loro premio e riconsegnare il gessetto. Non vi “spoilero” su cosa consiste il premio, ma dico solo che i bambini se lo sono gustati con molto piacere!

Riscuotendo il premio finale
Uno scorcio sul lago

Considerazioni

Abbiamo trovato questa caccia al tesoro davvero molto divertente e ben fatta, abbiamo scoperto una Brissago a noi sconosciuta e imparato leggende del nostro territorio che non conoscevamo. La consigliamo a tutte le famiglie, a partire dai 4 anni, che camminano bene, visto che la salita non è delle più leggere. Non consigliabile a chi ha un passeggino ma adatto anche agli amici a 4 zampe.

Buon divertimento!

E se avete ancora tempo per visitare anche le isole di Brissago, sempre attraverso un’altra caccia al tesoro, leggete qui il nostro articolo: “Caccia al tesoro sulle isole di Brissago: il giro del mondo su un’isola”

caccia al tesoro Brissago

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.