Sisikon – Carillon e Cappella di Guglielmo Tell

sisikon

Cosa facciamo oggi? È la domanda che ci accompagna ogni mattina da qualche giorno a questa parte! Con le restrizioni vigenti e la stagione fredda decidere cosa fare potrebbe essere più complesso del solito. La neve è certamente una bella idea, ma trovo carino alternare sciate e slittate a qualche rilassante passeggiata (evitando così la trafila ghette, termica, pullover, calzettoni, tuta… ops… “mi scappa la pipì!”). Così, dopo aver sentito i miei genitori in mattinata, ho dato loro carta bianca: organizzatemi una gita per oggi pomeriggio, adatta ai bambini, con partenza alle 13! Detto e fatto! Alle 13 si parte destinazione… Sisikon! Dove c’è la cappella dedicata a Guglielmo Tell.

Il viaggio non è lunghissimo ma il tempo oltre Gottardo purtroppo non è dei migliori. Non ci lasciamo scoraggiare e posteggiamo l’automobile nei pressi del ristorante Tellsplatte, che si trova sull’Axenstrasse. È possibile raggiungere Sisikon anche con i treni; per gli orari consultare il sito ufficiale: https://www.sbb.ch oppure in battello, con partenza da Brunnen o Flüelen (per gli orari consultare https://www.lakelucerne.ch.). 

Ci troviamo sulla via Svizzera! 

mucche a sisikon
Il nostro primo incontro: le mucche

Sisikon si trova nel canton Uri e si trova sulla Via Svizzera. La Via Svizzera è il sentiero è ideale per tutta la famiglia: parte dal Grütli e si conclude a Brunnen. Se arrivate fino a Brunnen, la tappa al piccolo museo del coltellino svizzero è d’obbligo. I bambini più grandicelli (e ovviamente anche gli adulti), su prenotazione, possono assemblare il proprio coltellino Svizzero.

Se vuoi saperne di più, leggi la nostra esperienza: Swiss Knife Valley di Victorinox a Brunnen, per conoscere il vero coltellino svizzero

Il sentiero della Via Svizzera è lungo 35 km ed è stato concepito con l’apporto di tutti i cantoni svizzeri. Ad ogni cantone ne è stato affidato un tratto, delimitato da pietre di confine contrassegnate. Sisikon è un punto di partenza ideale per escursioni attorno all’Urnersee. Se siete curiosi potete dare un’occhiata al sito www.weg-der-schweiz.ch.

Il più grande carillon della Svizzera

carillon lungo la via Svizzera

Imbocchiamo la stradina che scende verso il lago, ben indicata, e discendiamo una discesa lungo una strada sterrata verso la cappella di Gugliemo Tell. I bambini desiderano prendere i loro monopattini, ma purtroppo ci renderemo conto poco più tardi che non sono adatti al percorso. La passeggiata è molto breve, si parla di una decina di minuti. Lungo la discesa incontriamo una bella stalla con le mucche, a ridosso del lago, dove ci fermiamo a scambiare due chiacchiere con questi simpatici quadrupedi.

Proseguiamo la nostra discesa e la strada sterrata si trasforma in una scalinata, ma vediamo la nostra meta sempre più vicina. Al centro di un prato troviamo una grande costruzione con tante campane di dimensioni diverse e scopriamo che si tratta del più grande carillon della Svizzera. La bella sorpresa è che, al rintocco di ogni ora, per 10 minuti è possibile ascoltare alcune melodie a scelta. Emanuele si è divertito un mondo a fare il “dj” premendo i bottoni per scegliere le varie canzoni, mentre Eleonora si è scatenata a ballare al suono delle… campane!

La cappella di Guglielmo Tell a Sisikon

cappella guglielmo tell
La cappella dedicata a Guglielmo Tell

Terminati i 10 minuti di musica continuiamo il nostro percorso e la nostra discesa fino a raggiungere il lago. Qui troviamo la Cappella di Guglielmo Tell che presenta 4 coloratissimi affreschi che ricordano dei passaggi della leggenda di Guglielmo Tell. Secondo la leggenda è proprio qui che Guglielmo Tell saltò dalla barca del prefetto Gessler per mettersi in salvo! Guardandosi attorno il panorama è mozzafiato, immerso nel verde e a ridosso del lago.

Decidiamo di proseguire la passeggiata costeggiando il lago, lungo un sentiero che ci conduce fino al porto di Sisikon. Qui sono segnalati percorsi che costeggiano il lago e volendo si potrebbero percorrere molti chilometri ma purtroppo non abbiamo potuto avanzare molto perché era momentaneamente chiuso per il pericolo di caduta massi. Vi sono tuttavia diversi cartelli che indicano la strada e la possibilità di aree per sostare e godersi un grill – picnic… quando la stagione lo permetterà!

Risalita (alternativa) al parcheggio

guglielmo tell sisikon
Una vista meravigliosa

Contenti di aver visto la cappella di Guglielmo Tell decidiamo quindi di ritornare al posteggio, risalendo fino alla strada. Scopriamo così che esiste la possibilità di compiere un percorso circolare, che permette di evitare la scalinata. La salita viene comunque alleggerita dalla meravigliosa vista che il luogo offre. È una passeggiata molto tranquilla, non impegnativa. Sconsiglio l’uso di passeggini, monopattini e biciclette a causa della strada non adatta. 

Idea relax per il weekend!

Se avete più tempo a disposizione, questa passeggiata si trova nei pressi di Morschach dove si trova un centro termale adatto alle famiglie.

carillon più grade della svizzera
Meccanismi del carillon

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.