Blog di viaggi con bambini dalla Svizzera al mondo
0 In Paidpost/ Switzerland/ Travels

Rigi, la regina delle nostre montagne

rigi vista sui 3 laghi

Anche quando è nuvoloso, la regina delle nostre montagne è comunque spettacolare. Sto parlando del Rigi, la cui vetta si raggiunge comodamente con una ferrovia a cremagliera partendo da Goldau… insomma, una gita che si adatta benissimo ad una giornata fuori porta con bambini (anche piccolissimi). Una volta raggiunta la meta, troverete panorami spettacolari e, se vi piace camminare, 120 chilometri di sentieri, alcuni pensati per le famiglie con passeggini!

Noi siamo andati in treno ad Arth-Goldau e la scelta è stata azzeccatissima: troviamo subito i cartelli per la cremagliera del Rigi e – sorpresa! – partono dallo stesso binario del treno che arriva dal Ticino. Visto che prima di partire abbiamo acquistato l’offerta Railaway: Rigi, la Regina delle Montagne che comprende attualmente (fino al 30.11.2020) il 30% di sconto sulla salita e sulla discesa da Arth-Goldau, Vitznau e Weggis non dobbiamo nemmeno fare la coda per acquistare il biglietto.

Salire sul Rigi, come e dove

piramide energetica, kulm
Rigi Kulm, la piramide energetica

Ci sono diversi punti di accesso al Rigi. Da Goldau e Vitznau si sale con i vagoni rossi o blu (a dipendenza del tragitto) della ferrovia a cremagliera; noi per sfruttare meglio il tempo, siamo partiti e tornati da Goldau. Partendo da Weggis invece una funivia porta a Rigi Kaltbad, da dove potete continuare con il treno. Lo stesso vale perla località di Kräbel, anche lì una funivia porta a Rigi Scheidegg, dove di nuovo trovate una stazione della cremagliera.

Teoreticamente al ritorno saremmo potuti scendere a Vitznau e rientrare in Ticino da lì, sempre in treno – oppure recarsi in battello a Lucerna e pernottare lì. Da Vitznau al Ticino il viaggio è un po’ più lungo che da Art-Goldau e con più cambi – ma nulla vi vieta di farlo, soprattutto se non andate sul Rigi a camminare ma per la vista. Anzi, strada facendo se avete tempo potete fermarvi a Brunnen e (su prenotazione) assemblare il un coltellino svizzero Victorinox. Un’altra alternativa è quella di rientrare a Goldau e visitare il Parco Faunistico e Naturalistico (Tierpark) , usufruendo anche qui dell’offerta base RailAway che è 20% di sconto sul viaggio in treno fino ad Arth-Goldau e rientro e il 10% di sconto sul costo del biglietto d’entrata.

Rigi Kulm: la vetta panoramica

mucca a kulm, con campanaccio
La mucca pezzata di verde… con campanaccio

La stazione terminale delle due cremagliere è Rigi Kulm, la vetta panoramica posta 1797 metri s.l.m. Pochi passi vi conducono all’orrenda ed enorme antenna del trasmettitore TV, da dove però si ammira un incredibile panorama sui laghi Vierwaldstättersee, Zugersee e Lauerzersee. Con il cielo limpido si dovrebbero vedere anche le vicine Alpi ed il Moyen Pays. Ovviamente non è stato il nostro caso, anzi soffiava un bel vento e siamo morti dal freddo, quindi dopo poco siamo corsi a riscaldarci al ristorante del Kulm Hotel, dove abbiamo pranzato.

Sempre a Kulm, oltre alla vista dalla piattaforma panoramica, abbiamo percorso un breve sentiero circolare. Abbiamo trovato quella che sembra una piccola piramide energetica sotto cui sostare, un masso con dei simboli in cinese donato nel 1978 dal governo come segno di amicizia fra i due paesi. Segnalo anche diverse mucche di legno, pezzate di verde. Davanti ad ognuna c’era una fila di bambini in attesa del proprio turno per suonare i campanacci, quindi direi che nonostante il colore surreale la loro presenza è stata particolarmente gradita.

Una bella passeggiata in famiglia

Sentiero fra Rigi Kulm e Staffel
Sentiero fra Rigi Kulm e Staffel

Con tutta quella scelta di sentieri sarebbe meglio organizzarsi prima di partire e pianificare quale percorso seguire, ma visto che mio figlio aveva chiesto di potersi godere la destinazione senza fare fatica, siamo partiti davvero alla sprovvista. Ovviamente appena arrivati a Rigi Kulm (e dopo aver pranzato) è stato lui a chiedere di andare a camminare. Eccoci serviti! E adesso? Improvvisiamo, ovviamente.

La cosa più semplice è scendere da Rigi Kulm a Rigi Staffel lungo un bel sentiero panoramico. E’ piacevolissimo, ampio ed un po’ ripido, però lo danno come accessibile ai passeggini, e difatti li abbiamo visti! Passiamo anche davanti a quella che una vocina definisce “una casa coperta di piume” che riscuote tanto successo. E’ una di quelle ricoperte da scagliette di legno…

cartelli escursionistici sul rigi
Qui c’è solo l’imbarazzo della scelta…

E poi? Dai, si continua. In che direzione? Nessuna idea, quindi seguiamo un gruppo di persone… passeggiamo fra prati e boschi circondati da mucche stese sull’erba a rilassarsi. Se ci fossimo informati avremmo scoperto un comodo percorso super panoramico che conduce da Rigi Staffel a Rigi Staffelhohe, noi invece ne prendiamo un altro, prevalentemente in discesa, e ci ritroviamo a Rigi First, dove contiamo di trovare una stazione della cremagliera (non c’è, c’è quella della funivia!).

Prendiamo quindi il sentiero pianeggiante che va a destra e che porta a Rigi Kaltbad, anche questo accessibile ai passeggini. A Kaltbad troviamo finalmente una stazione del trenino, che però porta a Vitznau: siamo sul lato sbagliato della montagna! Per rientrare ad Art-Goldau dobbiamo risalire fino a Staffel e cambiare linea prima di ridiscendere.

Rigi Kaltbad, pausa relax e giochi

rigi sentiero panoramico
Uno dei sentieri panoramici del Rigi

A Rigi Kaltbad ci fermiamo in un bar per fare merenda e riposarci. La località è frequenta e non mancano gli spunti per trascorrere una bella giornata. C’è un hotel con spa, dove ci piacerebbe tornare in inverno (e con il costime da bagno). Visto che il tempo meteorologico ci concede di stare all’aria aperta, andiamo alla ricerca del bel parco giochi chiamato Rigiland, dove ci fermiamo a giocare un po’.

Dal parco giochi Rigiland inizia un percorso tematico chiamato Wildmannli che conduce al punto panoramico Känzeli, che però non abbiamo percorso per mancanza di tempo. Questo sentiero è accessibile con passeggini. Si dice che nel 1868 la regina Vittoria d’Inghilterra si fece condurre con una portantina al Belvedere per ammirare lo scenario da cartolina.

Questo contenuto è stato promosso da Railaway FFS

 

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.