Blog di viaggi con bambini dalla Svizzera al mondo

0 In Discover Ticino/ Ticino

Le 8 meraviglie del Canton Ticino da visitare con i bambini

ticino

Avete presente quali sono le 7 meraviglie del mondo? Bene, anche se le sapete dimenticatevele, nei prossimi mesi (se non anni), sarà difficile poterle vedere… Questa difficile situazione ci ha portati a rivedere le nostre vacanze e i nostri viaggi. Non abbiamo nessuna certezza su aperture, frontiere e sull’andamento della situazione, ma una cosa è sicura: il nostro territorio offre paesaggi e luoghi stupendi.

Ne abbiamo scelte 8, una per ogni distretto, ma vi assicuro che le meraviglie da vedere in Ticino con i bambini sono molte di più… Come sempre, se volete approfondire, cliccate sul link.

1. Bellinzonese – I castelli di Bellinzona

Castelgrande, Bellinzona

Castel Grande (quello grande in città), Castello di Montebello (quello in mezzo) e Castello di Sasso Corbaro (quello che guarda gli altri dall’alto)… Non dimentichiamolo, fanno parte del patrimonio mondiale dell’UNESCO! In realtà all’interno dei Castelli di Bellinzona (qui il post) non c’è un granché da visitare con i bambini (siamo sincere) ma il fascino del castello, delle mura e delle torri li coinvolgerà ugualmente, garantendo un magico tuffo nel medioevo.

Il consiglio

Salite sul trenino Artù che parte da Piazza Colleggiata per visitarli tutti e 3 e fate uno sosta al parco giochi vicino al castello di Montebello. Per i ragazzi a partire dai 12 anni, non perdetevi l’escape room nella Torre Nera!

2. Luganese – Monte San Salvatore

Pan di Zucchero o San Salvatore?

Senza il Monte San Salvatore (qui il post) a fargli da sfondo, Lugano non sarebbe la piccola Rio de Janeiro della Svizzera. Questo Pan di Zucchero nostrano si può raggiungere comodamente in funicolare da Paradiso, oppure a piedi. Lassù in vetta vi aspettano un piccolo museo, un angolo giochi e una vista a 360 gradi che spazia dal lago di Lugano alla pianura Padana fino alle Alpi, se la giornata è limpida. Il Monviso, il Monte Rosa, il Bernina… riuscite a riconoscerli?

Il consiglio

Un sentiero vi porta dalla vetta a Ciona e più oltre a Carona. Qui vi aspetta un’altra meraviglia, specialmente in primavera: il Parco San Grato (leggi il post), con i suoi fiori, due parco giochi ed i suoi sentieri tematici pensati per i bambini.

3. Locarnese – Le isole di Brissago

Alle isole di Brissago

Se proprio proprio non riuscite a fare a meno di profumi esotici provenienti da altre parti del mondo, allora un buon compromesso potrebbe essere un’escursione alle isole di Brissago. L’isola Grande, raggiungibile in battello da vari punti, nasconde un tesoro fantastico: una collezione di piante coltivate (circa 1’700 specie)  originarie delle zone subtropicali dei 5 continenti. Un parco meraviglioso che lascerà anche i bambini a bocca aperta.

Il consiglio

Una volta approdati all’isola, chiedete alla cassa la mappa del tesoro (qui il post) delle isole di Brissago. Questa mappa comprende i 13 punti da cercare in tutta l’isola. Ad ogni punto si trova un divertente indovinello da risolvere e, se lo si risolve correttamente, si riceve  l’indicazione per trovare il punto successivo. Ma ricordatevi che per avere il premio finale bisogna obliterare tutti i punti.

4. Mendrisiotto – il Monte Generoso

Sul Monte San Salvatore

Il Monte Generoso è un luogo splendido dove portare i bambini, comodamente con il trenino a cremagliera, oppure a piedi da Bellavista. Il paesaggio montano, con la vista sul lago Ceresio e le mucche che pascolano agitando i sonori campanacci, è davvero incredibile. Sulla terrazza del Fiore di Pietra c’è un bel parco giochi che i bambini apprezzeranno ed un facile sentiero, quello dei Pianeti.

Il consiglio

Recatevi alla grotta dell’Orso (leggi il post), a circa 30 minuti di cammino dal Fiore di Pietra. La visita guidata è coinvolgente: scoprirete come vivevano e cosa mangiavano gli orsi delle grotte, vissuti 35’000-65’000 anni fa. Sapete quante ossa di orso sono state ritrovate? Più di 50’000!

5. Maggia – Cascata di Foroglio (Val Bavona)

Uno scorcio di Val Bavona

La Cascata del Foroglio si trova in Val Bavona, in cima alla Valle Maggia. È una delle più spettacolari del Ticino; le sue acque fanno un salto di 110 metri, e lo scenario in cui si trovano é davvero suggestivo. Infatti potrete passeggiare attraverso il paese costruito in pietre che ricorda la vita del passato.

Il consiglio

Approfittatene per svolgere una bella passeggiata tipo questa: Foroglio–Puntid–Gerra–Calnegia (leggi il post), che vi porterà a scoprire paesaggi da fiaba tra cascine di sasso, dirupi, pietraie e torrenti. Dopo 35 minuti si raggiunge un ampio pianoro attraversato dal fiume Calnegia dove si colloca un bellissimo maggengo: il Puntid.

6. Leventina – il Passo del San Gottardo

Panoramica sul San Gottardo

Il San Gottardo è un luogo davvero imperdibile e che offre interessanti possibilità di godere di paesaggi alpini e laghetti di montagna, anche senza fare fatica. Già, perché basta arrivare in cima al passo e parcheggiare l’auto? Ma perché non portarsi gli scarponcini da trekking e spingersi – con dislivelli minimi – fino al lago Lucendro? E’ una passeggiata perfetta per chi ha bambini. Un’altra alternativa è il lago della Sella oppure il passo dello Scimfuss.

Il consiglio

Partite la mattina presto, così avete tempo per una bella passeggiata e nel pomeriggio visitare un’altra meraviglia: la fortezza segreta Sasso San Gottardo (leggi il post), con le postazioni di artiglieria, un metrò sotterraneo e una sala dei cristalli con un quarzo di 1500 chili, lo stesso peso di un grande tricheco.

7. Valle di Blenio – Gita al Lucomagno

Valle di Blenio

Paesaggio fiabesco quello che vi aspetta al Lucomagno. L’ideale per un bel pic nic nella natura lungo il fiume senza troppi pericoli. La zona del Lucomagno (quiil post) vi dà la possibilità di scegliere tra 7 sentieri naturalistici che si snodano tra il fiume, il bosco e la campagna.

Il consiglio

Fermatevi a giocare sul fiume e costruite le famose dighe con i sassi. Fate una tappa a comprare il formaggio o altri derivati alla fattoria dell’Alpe Pertusio. E infine tappa obbligatoria al Centro Pro natura per scoprire lo spazio espositivo interattivo creato per i bambini, gli eventi o le gite didattiche a tema.

8. Riviera – la cascata di Santa Petronilla a Biasca

L’incrocio  © Bellinzonese e Alto Ticino Turismo

La Cascata di Santa Petronilla (leggi il post), che tutti avranno visto dalla ferrovia ed ammirato il suo famoso salto “finale” incrociato, è la più alta del Canton Ticino. In realtà i salti sono di più, ma per scoprirli occorre salire a piedi per 30 minuti sopra il paese, passando davanti alla chiesa dei Santi Pietro e Paolo e poi percorrere la via Crucis fino all’Oratorio di Santa Petronilla, dove trovate anche il ponte romano. Da lì il panorama è meraviglioso: la valle Leventina da una parte, la valle di Blenio dall’altra.

Il consiglio

Portate il costume da bagno, e un asciugamano. Proprio sotto il ponte c’è una splendida e rinfrescante pozza di acqua cristallina (freddissima!). Ovviamente tenete sempre sotto stretto controllo i bambini, i fiumi spesso celano insidie e pericoli.

Questo contenuto è stato promosso da Touring Club Svizzero.

 

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.